Chi siamo2019-02-06T10:28:41+01:00

I due fondatori : Mons. André Léonard e Sabrina ČovićRadojičić

Mons. André Léonard, nato il 6 maggio 1940. Prima del suo episcopato, è stato per oltre 20 anni professore di filosofia all’università cattolica di Louvaine e, per 13 anni, superiore del seminario universitario Saint-Paul aLouvain-la-Neuve. Da sacerdote, quindi, ha vissuto la maggior parte del suo ministero nel mondo dei giovani.
Mons. André Léonard è stato per 19 anni vescovo di Namur (Belgio) e, per altri 6 anni, arcivescovo di Malines-Bruxelles, prima di ritirarsi in Francia nel dipartimento delle Alte Alpi, dove è viceparroco e cappellano del santuario Notre-Dame del Laus. Nel tempo libero si dedica alla scrittura e alla guida di ritiri spirituali.
È stato membro della Commissione Teologica internazionale (organo consultivo della Congregazione per la Dottrina della Fede). Il suo motto episcopale è « Maranatha ! », che significa « Vieni Signore Gesù! ». In effetti, la chiesa attende niente meno che il ritorno di Gesù nella « gloria ». La sua venuta (e solo quest’ultima) annienterà l’Anticristo (2Th 2,8). Gesù ritornerà per realizzare una « ricostituzione » e una « rigenerazione » (Mt 19, 28; At 3, 21), compiendo il regno di Dio « come in Cielo, così in terra » (Mt 6,10), prima di « consegnare » il regno al Padre (1Co 15, 22-28). Il nostro movimento e le nostre strutture, quindi, riprendono questa parola, che è una preghiera : « Maranatha ! »
Mons. André Léonard è l’iniziatore, insieme alla Sig.ra Sabrina Covic, di “Maranatha Conversion”, un movimento spirituale mondiale che invita le persone di buona volontà, di ogni tradizione spirituale, a intercedere e a pregare per la conversione del cuore umano e la guarigione dell’umanità.

Sabrina ČovićRadojičić è nata a Osijek (Croazia) nel 1966. È cresciuta a Parigi e ha soggiornato spesso negli Stati Uniti. È sposata con Vladan Radojicic e ha due figli, Katarina e Matthieu. Amica dei veggenti di Medjugorje, è autrice e/o traduttrice di libri, documentari, video e cd relativi al tema « Medjugorje ». Ha raccontato la sua testimonianza nel libro « Volevo aiutare il Cielo a salvare il mondo, e allora ho organizzato viaggi », pubblicato dalla casa editrice Les Editions Sakramento, da lei stessa fondata.
Nel 2007 Sabrina, insieme a Mons. André Léonard, divenuto nel frattempo arcivescovo emerito di Malines-Bruxelles (Belgio), ha fondato « Maranatha Conversion », un movimento internazionale, ecumenico e interreligioso di preghiera e d’intercessione per la guarigione del mondo, e ha organizzato numerosi incontri di preghiera e pellegrinaggi in diversi Paesi.

 

Le attività di « Maranatha Conversion » avvengono sotto diverse forme. Esse comprendono :
1/ Un luogo d’accoglienza eccezionale come casa Betania, situata a Medjugorje, in Bosnia-Erzegovina. « Betania » è una “casa-famiglia”accogliente, con un bel giardino in permacultura e alcune camere che offrono un soggiorno sereno e tranquillo. In particolare, è un luogo d’accoglienza privilegiato per chi desidera capire meglio le attività del movimento o delle strutture con le quali « Maranatha Conversion »o la possibilità di fondare e animare una « Maranatona » nel proprio Paese.

2/ Il Centro della Pace Sakramento, che comprende tre sale riunioni ben allestite nonché una libreria. In tale contesto è possibile organizzare riunioni informative e insegnamenti impartiti da oratori di qualità. Nel settembre 2018 questo luogo ha ospitato la tappa medjugorjana della « Notte dei Testimoni », un percorso di preghiera svoltosi in Bosnia-Erzegovina, in Montenegro e Croazia, organizzato in collaborazione con la fondazione pontificia « Aiuto alla Chiesa che soffre ».

3/ Le « Maranatone »
Si tratta di due giornate dedicate alla preghiera che si tengono ogni 5 e 6 del mese in santuari mariani e luoghi spirituali del mondo.
Siamo convinti che la preghiera salverà il mondo. Le « Maranatone » sono momenti di preghiera intensa che si svolgono in luoghi privilegiati, delle piccole “arche di Noè” in cui chiunque può trovare rifugio nei periodi difficili, e che permettono di scoprire o riscoprire il nostro straordinario patrimonio spirituale.
Ogni 4 del mese, di pomeriggio o di sera, si tiene un incontro con artisti, seguito da un dibattito e da uno spuntino. Lo scopo di tale incontro è riunire persone volenterose e di diverse sensibilità spirituali, credenti e non credenti, che desiderino incontrare « gli altri » attraverso momenti di confronto informali e fraterni.

« Maranatha Conversion » e « Maranatha Medjugorje »

Mons. André-Joseph Léonard e Sabrina ČovićRadojičić si sono conosciuti in occasione di brevi incontri nel 2004 e poi nel 2007, quando hanno iniziato a lavorare insieme per lanciare « un movimento di preghiera per la guarigione dell’umanità », che in Francia è chiamato « Maranatha Conversion » e « Maranatha Medjugorje » per le attività realizzate in Bosnia-Erzegovina. Il primo incontro di preghiera Maranatha è avvenuto sabato 9 marzo 2013 nella basilica del Sacro Cuore a Bruxelles, seguito da altri incontri di preghiera in tutto il mondo e da un primo grande pellegrinaggio in Terra Santa nell’agosto 2013, con 550 pellegrini venuti da tutti i Paesi e alla presenza di Vicka, veggente di Medjugorje. Dal 2016, « Maranatha Medjugorje » propone incontri-pellegrinaggi in tutta la Bosnia-Erzegovina, specie a Medjugorje, Mostar e Sarajevo. E poiché da Sarajevo ebbe inizio la prima guerra mondiale, auspichiamo vivamente che questa città diventi il punto di partenza per la pace nel mondo! Prevediamo inoltre di rinforzare i legami privilegiati con la Terra Santa organizzandovi almeno un pellegrinaggio annuale.

Un’audace apertura ecumenica e interreligiosa

« Maranatha Conversion » è un movimento internazionale, cattolico, ecumenico e interreligioso. Siamo consapevoli del rischio del relativismo religioso, della volontà di alcuni d’imporre una religione mondiale anti-cristiana e anche del fatto che altre religioni presentano aspetti che sono in antitesi con il cristianesimo. Tuttavia, vogliamo seguire la via indicata dagli ultimi papi, che hanno più volte invitato i non-credenti a pregare con loro per la pace: san Giovanni Paolo II ad Assisi, il 22 ottobre 1986 (non c’è alcun rischio di confusione: vengono recitate preghiere diverse in uno stesso luogo e una preghiera simultanea in due luoghi diversi) e, dopo di lui, papa Francesco in tante occasioni. Chi fa la verità viene verso la luce (Gv 3, 21), e al momento della venuta gloriosa del Cristo, non solo i cristiani (che avranno testimoniato Gesù) regneranno con Cristo, ma anche tutti quelli che avranno rifiutato il male (Ap 19, 4). Nei tempi molto particolari in cui viviamo è dunque opportuno riunire gli uomini di buona volontà che rifiutano la civiltà materialista, nichilista e apportatrice di una cultura di morte. A Medjugorje, quando la Madonna parla di non credenti, intende « coloro che non hanno fatto esperienza dell’amore di Dio ». La prima parola del decalogo è una parola d’amore: « Io sono il Signore tuo Dio, che ti ha fatto uscire dalla condizione servile » (Es 20, 2). E san Giovanni riassume la Bibbia : « Dio è amore » (1Gv 4,8). Ad Assisi, San Giovanni Paolo II ha detto inoltre: « Il dialogo interreligioso non è indipendente dall’annuncio cristiano. Ribadisco umilmente la mia convinzione: la pace porta il nome di Gesù Cristo ». Gesù, e lui solo, annienterà l’Anticristo (2Th 2, 3-12). Per questo motivo, i raduni di « Maranatha Conversion »  propongono sia momenti di incontro che di digiuno e preghiera.

Maranatha-Medjugorje

L’associazione Maranatha-Medjugorje è un’associazione registrata in Bosnia-Erzegovina che riprende le intenzioni di preghiera del movimento internazionale ed ecumenico « Maranatha Conversion ».

Il male che ci circonda è tale che ci sembra normale subirlo, anzi definirlo « realtà », rischiando così di sprofondare nella passività. Ci siamo allora chiesti in che modo avremmo potuto diffondere il bene anziché lasciare il male libero di insediarsi. Alcuni penseranno che siamo degli utopisti, degli idealisti.

Ebbene sì, siamo degli idealisti! È con questo entusiasmo che vi invitiamo a partecipare a un movimento interamente animato dal desiderio di creare un’unità fra tutte le persone di buona volontà: quest’unità, di cui soffriamo tanto la mancanza, non è una creazione dell’uomo (sappiamo bene cosa la torre di Babele ha provocato); è un dono di Dio e, quindi, la richiederemo nelle nostre preghiere.

Più volte all’anno proporremo pellegrinaggi e incontri in Bosnia-Erzegovina, Paese favorevole all’ecumenismo e quindi al dialogo interreligioso.

Strutture giuridiche

  • « Maranatha Conversion », un’associazione francese (legge 1901), a cui fanno capo tutte le attività francesi e internazionali. https://maranatha-conversion.com
  • « Maranatha Medjugorje », associazione registrata secondo la legge della Bosnia-Erzegovina. Si occupa della preparazione umana e dell’aspetto tecnico degli incontri tenuti sia in questo Paese che in Terra Santa. https://www.maranatha-conversion.com
  • Un « Centro della Pace » a Medjugorje, situato sulla strada che porta al Villaggio della Madre. Ospita l’associazione « Maranatha Medjugorje », che anima il luogo e anche una libreria (www.sakramento.com) nonché una biblioteca, un luogo per gli incontri e gli insegnamenti.

Attività presenti e progetti

• Le nostre principali attività comprendono tempi forti, pellegrinaggi e ritiri spirituali « Maranatha » sia in Bosnia-Erzegovina che in Terra Santa, ma anche e soprattutto l’avvio di gruppi di preghiera particolari come le « Maranatone », di ampia diffusione geografica, capaci di generare “maratone di preghiere” in numerosi santuari mariani o centri spirituali nel mondo.

ORDINA SU : www.sakramento.com

DUE LIBRI PER ENTRARE NEL CUORE DEL MOVIMENTO MARANATHAA

« Il cuore della buona novella » di Mons André Léonard

Già il profeta Geremia diceva che « il cuore dell’uomo è complicato e malato » (Ger 17,9). Cosa direbbe oggi, davanti a tante minacce che incombono sull’umanità e il mondo? Sì, l’umanità è malata e ha bisogno di convertirsi. Tutti ne abbiamo bisogno. Dunque, io e un gruppo di laici molto motivati abbiamo sentito l’urgenza di avviare un movimento di preghiera e di rinnovato impegno nella fede per la guarigione del cuore umano e dell’umanità, un movimento ecumenico internazionale volto a riunire cristiani di diverse confessioni. Essendo convinti che solo il Signore può salvarci dal baratro e restituirci la speranza, abbiamo intitolato tale movimento « Maranatha » (che in aramaico, la lingua di Cristo, significa « Vieni, Signore Gesù »), ispirandoci al penultimo verso della Bibbia che dice « Amen. Vieni, Signore Gesù » (Ap 22, 20)

Per sostenere questo progetto, vi proponiamo di leggere « Il cuore della buona novella », un libretto di preghiera concepito per questa finalità.

Mons. André LÉONARD,
Arcivescovo emerito di Malines-Bruxelles,
Cappellano del Santuario di Notre-Dame del Laus (Alte Alpi, Francia).

« Libretto di preghiera per le “Maranatone » di Françoise Breynaert

(estratto della prefazione di Mons. Léonard)

Il progetto della « Maranatone » è meraviglioso e folle al tempo stesso. Il suo nome è tutto dire: ci fa pensare subito alle « maratone », corse di resistenza lunghe diverse decine di chilometri, ma anche al motto del movimento « Maranatha! », che altro non è se non l’ultima preghiera contenuta nella Bibbia: « Amen. Vieni, Signore Gesù! » (Ap 22, 20).

Questo movimento ha già dato vita a grandi raduni e a diversi pellegrinaggi, specie in Terra Santa e in Bosnia-Erzegovina. Subito dopo sono nati gruppi di preghiera volti a intercedere per tutte queste grandi sfide della Chiesa e del mondo, che sono tali da esigere una profonda conversione dei nostri cuori e un’autentica guarigione dell’umanità.

Ma non tutto il mondo ha l’opportunità di partecipare a tali raduni e pellegrinaggi. Di qui, allora, l’idea di utilizzare tutte le possibilità offerte dalla carta stampata e da internet per diffondere un libro che permetta, sia a individui che a gruppi, di formare un’enorme catena di preghiera in tutto il mondo, e di elevare al Cielo l’ardente supplica per la guarigione dell’umanità, la conversione dei cuori e la venuta del Signore nella gloria.

Lungi dall’allontanarci dai nostri impegni di questo mondo, quest’attesa dell’avvento glorioso di Gesù ci rafforza nell’intento di sfruttare al meglio il tempo presente: infatti, pensare all’obiettivo da raggiungere ci incoraggia al massimo lungo il cammino da intraprendere. L’attenzione alle realtà eterne ci rivela più che mai l’importanza del nostro « oggi ».

Ringrazio Françoise Breynaert per averci fornito, con queste « Maranatone », concrete istruzioni per l’uso e contenuti di grande ricchezza. Ha attinto da parecchie fonti, dalle più antiche alle più recenti, dalle più universali a quelle legate a rivelazioni private. E sempre con un giusto discernimento.

Prego il Signore e la Madonna di benedire quest’opera: che possa essere un bell’incoraggiamento a tale speranza, per oggi e per sempre, di cui il mondo ha tanto bisogno.

Mons. André LÉONARD,
Arcivescovo emerito di Malines-Bruxelles,
Cappellano del Santuario di Notre-Dame del Laus (Alte Alpi, Francia).

Le Maranatone

Ovunque nel mondo, uomini, donne e bambini, di ogni cultura e orizzonte, si riuniscono da secoli in luoghi spirituali della terra, dai più celebri ai più remoti.

Ogni 4, 5 e 6 del mese, pregano per la guarigione del cuore dell’uomo e la guarigione dell’umanità.

Il nostro sito Web utilizza i cookie. Utilizzando il nostro sito Web e accettando questa politica, acconsenti all'utilizzo dei cookie. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Vicino